Nube di Parole. Voci del lavoro culturale contemporaneo

Nube di parole chiama a raccolta chi pensa che la cultura sia la chiave del futuro

Le parole ci servono per muoverci nel mondo e per stare insieme, per articolare l’infinita varietà di relazioni, accordi e forme di collaborazione che chiamiamo società. Quando ci intendiamo sul loro significato, le parole funzionano. Proprio come gli strumenti di una buona cassetta degli attrezzi.

Nube di parole è un gioco in 4 tappe online e 3 tappe offline per fare emergere, tra alcuni termini ricorrenti nel lavoro culturale, quelli più utili a tracciare un cammino comune dal presente al futuro prossimo: un nuovo lessico per le nuove forme del lavoro culturale.

4 tappe online

  • Il 14 maggio, il 21 maggio, il 28 maggio e il 4 giugno 2018 abbiamo lanciato 4 sondaggi online per scegliere insieme le 8 parole del lavoro culturale.
    Sostenibilità, analfabetismo digitale, open data, community hub, community manager, audience engagement, co-design audience engagement sono le espressioni che il pubblico dei social ha ritenuto più urgente chiarire.

3 tappe offline

  • Il 14 giugno 2018 abbiamo organizzato insieme ai partner un camp al Polo del ‘900 di Torino a cui hanno partecipato più di 40 professionisti e lavoratori culturali. Scopo del camp era ridurre le 8 parole a 4 attraverso una riflessione collettiva sul loro significato e sulle pratiche ad esse legate. La scelta è caduta su: Sostenibilità, Open Dataaudience engagement e community hub.
    Per lavorare insieme abbiamo usato anche un questionario.
  • Nell’autunno 2018 abbiamo iniziato a scrivere insieme 4 voci enciclopediche per le parole scelte, con il contributo dell’esperto linguista Claudio Paolucci, professore associato di Semiotica e Filosofia del linguaggio all’Università di Bologna e vice coordinatore del Dottorato di ricerca in Philosophy, Science, Cognition and Semiotics del Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna.
  • A novembre 2018 sono iniziati i 4 incontri dal vivo (uno per ogni parola) in 4 città italiane: Milano (13 novembre 2018), Roma (16 gennaio 2019), Genova (25 gennaio 2019) e Torino (14 febbraio 2019), che si concluderanno il 14 febbraio 2019. 

Per seguire l’evoluzione del progetto Nube di parole tieni d’occhio questa pagina, la nostra pagina Facebook, il nostro profilo Twitter, oppure iscriviti alla newsletter di cheFare, di WeMake o di Compagnia di San Paolo.

Nube di Parole è un progetto di cheFare, WeMake, Centro Studi del Presente e Polo del ‘900 e ha vinto insieme ad altri 14 il Bando Polo del ‘900 di Compagnia di san Paolo.

Guarda le foto del Camp

Con il sostegno di
nube di parole compagnia di san paolo
In collaborazione con
WeMake
In collaborazione con
Polo del 900
In collaborazione con
Centro-Studi-del-Presente

Tutti i contenuti legati al progetto

Inediti

Leggi Nube di Parole, la nostra pubblicazione sulle parole del lavoro culturale contemporaneo

18 Settembre 2019

Dobbiamo parlare del rapporto tra politica, economia e cultura, e non possiamo più rimandare

14 Febbraio 2019

Contro l’engagement, cercasi audience disperatamente

12 Febbraio 2019

Tutto quello che avreste voluto sapere sull’Audience Engagement e non solo

23 Gennaio 2019

La complessità frattale dei Cantieri culturali alla Zisa di Palermo

16 Gennaio 2019

L’Audience Engagement rischia di trasformarsi nella militarizzazione della nostra quotidianità

14 Gennaio 2019