Rosetta. Progetto culturale nomade, Milano

Rosetta-Milano
«Rosetta. Un progetto culturale nomade» è un ciclo di incontri che mette in relazione tra loro i luoghi milanesi della produzione e della distribuzione culturale.
Durerà due anni e affronterà temi diversi tra loro come le migrazioni, l’accessibilità, la diffusione del sapere e dell’ignoranza, i beni comuni e gli spazi di produzione culturale e tanti altri.

Il programma di Rosetta si costruisce giorno dopo giorno insieme ai centri culturali indipendenti di Milano, alle istituzioni culturali tradizionali e a tutti i luoghi della produzione culturale innovativa che vogliono partecipare al progetto.
L’obiettivo è raggiungere nuovi pubblici anche molto giovani attraverso il piacere e il desiderio che la cultura è capace da sempre di accendere.

Abbiamo definito Rosetta un «progetto culturale nomade» perché, come nel nomadismo, i due tratti principali di Rosetta sono lo spostamento e il tentativo di comprensione e comunicazione tra spazi e visioni differenti.
Rosetta si assume l’onere di traduzioni imperfette, ma, si spera, originali.

I punti fermi del ciclo d’incontri sono 2:
– la volontà di comprendere insieme il presente senza banalizzarlo
– il dj set di Matteo Saltalamacchia che conclude ogni incontro.

Audience engagement e audience development nascono dalla qualità dei contenuti e dalla capacità di sviluppare un percorso insieme alle reti territoriali a cui gli spazi coinvolti dal progetto fanno riferimento.

Sulle pagine dell’Almanacco di cheFare troverete articoli, interviste e riflessioni intorno alle idee da cui è nato il progetto, ai suoi protagonisti intesi sia come persone che come spazi e ai singoli temi che Rosetta affronta di volta in volta nei suoi incontri.

Rosetta è un progetto ideato e promosso da Casa della Cultura di Milano e cheFare, realizzato con Fondazione Cariplo.

Per avere sempre tutte le informazioni sugli appuntamenti con Rosetta:
Segui il blog rosettamilano.it
Iscriviti alla newsletter di cheFare
Diventa fan della nostra Pagina Facebook
Segui cheFare su Twitter

Tutti i contenuti legati al progetto

Inediti

futuro

Esiste un futuro per un sistema chiuso?

23 maggio 2018

Apocalisse con figure? Uno scrittore al servizio dell’intelligenza artificiale

22 maggio 2018

Vedere il presente, fare il futuro. Rosetta domani a Milano

22 maggio 2018

L’irriducibile Luciano Bianciardi, dimenticato tra gli intellettuali

23 marzo 2018
intellettuale, sontag

Susan Sontag: La parola intellettuale stimola associazioni mentali superflue

22 marzo 2018
tempo, intellettuale

Pensare il tempo materiale. Una conversazione con Giorgio Vasta

21 marzo 2018