Cosa spinge il pubblico pagante a disperdere energie nella cura delle inquadrature, nella ricerca di una filmicità estrema di un’esperienza che dovrebbe essere prima di tutto collettiva? Quanto questo nuovo approccio alla performance musicale ne modifica l’esperienza sensoriale?

Il pubblico nel grande rumore del mondo