A Santarcangelo Festival oggi debutta Family Affair, un progetto di teatro partecipativo di ZimmerFrei con sette famiglie del territorio

Scarica come pdf

Scarica l'articolo in PDF.

Per scaricare l’articolo in PDF bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.


Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter.

image_pdfimage_print

La seconda giornata di Santarcangelo Festival vede il debutto del progetto site specific di teatro documentario e partecipativo del collettivo bolognese ZimmerFrei con sette famiglie del territorio: Family Affair | Santarcangelo (16 e 17 luglio ore 22:00 – NELLOSPAZIO) è un lavoro che s’interroga sullo stato dell’arte della famiglia contemporanea – piccoli nuclei e grandi famiglie, coppie senza figli, genitori single, fratellanze d’elezione, famiglie arcobaleno e gruppi familiari di ogni tipo – utilizzando video, voce e presenza dal vivo.

Questa di Santarcangelo è la 17ma tappa di un progetto europeo che dura da oltre quattro anni; il tema di partenza è la convivenza che a Santarcangelo si è focalizzato sulla coabitazione e la condivisione degli spazi e del tempo in tempi di pandemia: sul palco, genitori, bambine e bambini, ragazze e ragazzi di età, storie e provenienze diverse, raccontano il loro vissuto, gli incontri, gli affetti e le amicizie, vicende del passato e del presente, piccoli dettagli quotidiani sull’organizzazione dei tempi e degli spazi tra le stesse mura, tratteggiando un quadro multiforme delle famiglie di oggi. Il progetto, con la regia video di Anna de Manincor, suoni di Massimo Carozzi, assistente alla regia Muna Mussie, è una co-produzione Santarcangelo Festival e ZimmerFrei, con il sostegno di Emilia-Romagna Film Commission, Network Open Latitudes, inserito all’interno del progetto BE PART cofinanziato dal programma Europa creativa.

Note

Clicca qui per leggere l’articolo completo