Scopri lo streaming di comunità di OpenDDB in questo momento di emergenza

Scarica come pdf

Scarica l'articolo in PDF.

Per scaricare l’articolo in PDF bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.


Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter.

image_pdfimage_print

Quando saremo in grado di farlo, usciremo ufficialmente con un nostro comunicato sullo stato di emergenza che stiamo vivendo tutte e tutti. Ma la sintesi è questa: la situazione ha così tanti livelli di impatto sulle nostre vite da non permetterci in questo momento di formulare un’analisi e una posizione precisa. Sul piano sanitario, sul piano politico, sul piano culturale, sul piano economico e sociale.

Possiamo solo dire che non sappiamo se invitare le persone a venire al cinema. Non sappiamo se sia meglio consigliare invece di chiudersi in casa. Siamo solidali con le sale cinematografiche costrette a chiudere, con gli spazi e le reti sociali in difficoltà e tutte le lavoratrici e i lavoratori che saranno i primi a pagare questa crisi. È un enorme danno per tutti, anche per noi, sia come produttori che come distributori, che come pubblico e comunità.

Ma d’altra parte non sappiamo quale sia in questo momento la priorità da perseguire.

E in una situazione come questa ci sentiamo di fare, per ora, solo 2 cose:

1- mettere a disposizione per tutte e tutti uno streaming di comunità: una lunga programmazione di video, film e documentari per ribadire il valore che diamo alla cultura dal basso e alla sua diffusione. Senza dover pagare per forza. Siamo in difficoltà economica noi, ma lo sono anche tutti gli altri. Se poi vuoi farlo ugualmente, puoi fare una donazione attraverso il bottone rosso qui sotto, ma puoi vedere il nostro streaming a prescindere da questo.

2- prepararsi al dopo: sotto qualsiasi profilo, sociale, economico, politico e sanitario, siamo consapevoli di essere davanti ad un evento straordinario. Preferiamo, per ora, il silenzio, anche per poterci concentrare fin da subito sul cercare di comprendere cosa succederà dopo. Ed esserne sufficientemente preparati.

Note

Clicca qui per leggere l’articolo completo