Stefano Graziani: l’archivio e la scelta

Scarica come pdf

Scarica l'articolo in PDF.

Per scaricare l’articolo in PDF bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.


Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter.

image_pdfimage_print

Milano, 10 novembre ore 14 circa. Incontro  Stefano Graziani in occasione di Questioning Pictures presso la Fondazione Prada Osservatorio a Milano: è la prima volta che ci vediamo ma sin da subito iniziamo a parlare del più e del meno visitando insieme la mostra prima di iniziare con l’intervista.

La conversazione, registrata con il mio cellulare e rimontata è da Alberto Lotti, verte su alcuni temi concettuali che il suo lavoro esprime: l’archivio, l’oggetto, l’azione, la scelta, il gesto.

Il lavoro di Graziani è tutto giocato su un sofisticato rimando di riferimenti tra Aldo Rossi, Lucas Cranach, Antonio Canova, Gordon Matta Clark, Cedric Price, e come ha detto Stefano Boeri su instagram in visita alla mostra “non è meno intrigante del gioco di sovrapposizioni tra gli ambienti di visualizzazione, gli oggetti esposti, gli  archivi e le mostre”.

Note