Da un lato i tassisti con le loro auto simbolo del novecento, la poca propensione all’uso dell’inglese e le barricate a difesa del proprio interesse. Dall’altra nomi accattivanti, promesse di radiosi futuri, parole e facce smart, utopie digitali.

Uber, le app taxi e il nostro futuro incerto