Vi presentiamo Eleonora Marangoni, in viaggio a CasermArcheologica con QUASAR

Scarica come pdf

Scarica l'articolo in PDF.

Per scaricare l’articolo in PDF bisogna essere iscritti alla newsletter di cheFare, completando il campo qui sotto l’iscrizione è automatica.

Inserisci i dati richiesti anche se sei già iscritto e usa un indirizzo email corretto e funzionante: ti manderemo una mail con il link per scaricare il PDF.


    Se inserisci il tuo indirizzo mail riceverai la nostra newsletter.

    image_pdfimage_print

    CasermArcheologica è un nuovo centro culturale a Sansepolcro, in provincia di Arezzo, ed è il primo spazio permanente per l’arte contemporanea in Valtiberina, nato da un processo di rigenerazione urbana dell’ex Caserma dei Carabinieri di Sansepolcro. È proprio qui che sta avendo luogo QUASAR, progetto vincitore del bando Toscanacontemporanea 2020 promosso dal Centro Pecci e dalla Regione Toscana.

    QUASAR segue le orme di BAGLIORE, la stagione di residenze artistiche per scrivere una nuova biografia culturale dell’Italia. Due artiste, una fotografa e una scrittrice, vivranno CasermArcheologica e cercheranno di raccontarcela

    Oggi vi presentiamo Eleonora Marangoni, nata a Roma nel 1983. È scrittrice, copywriter e consulente di comunicazione. Laureata a Parigi in Letteratura comparata, ha pubblicato il saggio “Proust et la peinture italienne” (Michel de Maule, 2011) e “Proust. I colori del tempo” (Mondadori Electa, 2014). Il suo romanzo d’esordio “Lux” (Neri Pozza, 2018) ha vinto il premio Neri Pozza e il premio Opera Prima, ed è stato semifinalista al premio Strega 2019. Nel 2020, per Johan & Levi, ha pubblicato il saggio illustrato “Viceversa, Il mondo visto di spalle”. A fine ottobre, per Feltrinelli, uscirà “E siccome lei”, una sua raccolta di racconti ispirati ai personaggi cinematografici interpretati da Monica Vitti.

    Foto ©piotr_niepsuj

     

    Note