Un incontro per mettere in contatto nuovi centri culturali e presidi civici con i decisori, gli erogatori e i corpi intermedi di riferimento. La conferenza sarà trasmessa dagli spazi del Polo del ‘900 di Torino in diretta streaming sulla pagina Facebook di cheFare.

Vengono chiamati con molti nomi: spazi culturali di comunità, case del quartiere, community hub, spazi spazi rigenerati a base culturale. Qualunque sia la scelta, è ormai chiaro che i nuovi centri culturali e i presidi civici sono una realtà diffusa capillarmente in tutta Italia, al Sud come al Nord, nelle grandi città come nelle aree rurali e montane.

Le loro fortune dipendono da molti fattori (culturali, economici, sociali) ma sicuramente il rapporto con i decisori, gli erogatori e i corpi intermedi è cruciale.

Se è giusto considerare ogni spazio come una storia a sé, è anche fondamentale iniziare a pensarlo come parte di uno scenario più ampio e complesso che riguarda tutto il paese ed un numero potenzialmente enorme di cittadini. L’oggetto, quindi, di politiche culturali specifiche.

Interverranno come ospiti Davide Agazzi, esperto di politiche di sviluppo locale e membro del consiglio direttivo di Actionaid, Annalisa Gramigna, Project Manager di Fondazione IFEL, Elena Ostanel, Marie Sklodowska-Curie Fellow, Università Iuav di Venezia e Claudio Paolucci, semiologo e Professore Associato dell’Università degli Studi di Bologna.

Questo incontro fa parte de laGuida, il Festival Itinerante attraverso l’Italia della cultura e della collaborazione promosso da cheFare, agenzia per la trasformazione culturale. laGuida è realizzata con il supporto della Fondazione Compagnia di San Paolo che, traendo spunto dall’agenda 2030 pensa ai nuovi centri culturali e ai presidi civici come spazi non solo di cultura ma anche di cittadinanza attiva. L’iniziativa ha inoltre il sostegno della Fondazione Unipolis.

mercoled 14 ottobre, dalle 14.30 alle 17.30

Costruire le politiche per i nuovi centri culturali in Italia

Un incontro per mettere in contatto nuovi centri culturali e presidi civici con i decisori, gli erogatori e i corpi intermedi di riferimento. La conferenza sarà trasmessa dagli spazi del Polo del ‘900 di Torino in diretta streaming sulla pagina Facebook di cheFare.

Vengono chiamati con molti nomi: spazi culturali di comunità, case del quartiere, community hub, spazi spazi rigenerati a base culturale. Qualunque sia la scelta, è ormai chiaro che i nuovi centri culturali e i presidi civici sono una realtà diffusa capillarmente in tutta Italia, al Sud come al Nord, nelle grandi città come nelle aree rurali e montane.

Le loro fortune dipendono da molti fattori (culturali, economici, sociali) ma sicuramente il rapporto con i decisori, gli erogatori e i corpi intermedi è cruciale.

Se è giusto considerare ogni spazio come una storia a sé, è anche fondamentale iniziare a pensarlo come parte di uno scenario più ampio e complesso che riguarda tutto il paese ed un numero potenzialmente enorme di cittadini. L’oggetto, quindi, di politiche culturali specifiche.

Interverranno come ospiti Davide Agazzi, esperto di politiche di sviluppo locale e membro del consiglio direttivo di Actionaid, Annalisa Gramigna, Project Manager di Fondazione IFEL, Elena Ostanel, Marie Sklodowska-Curie Fellow, Università Iuav di Venezia e Claudio Paolucci, semiologo e Professore Associato dell’Università degli Studi di Bologna.

Questo incontro fa parte de laGuida, il Festival Itinerante attraverso l’Italia della cultura e della collaborazione promosso da cheFare, agenzia per la trasformazione culturale. laGuida è realizzata con il supporto della Fondazione Compagnia di San Paolo che, traendo spunto dall’agenda 2030 pensa ai nuovi centri culturali e ai presidi civici come spazi non solo di cultura ma anche di cittadinanza attiva. L’iniziativa ha inoltre il sostegno della Fondazione Unipolis.

La newsletter di cheFare

Le attività e gli articoli di cheFare nella tua mail

Ti piace cheFare?

Seguici su Facebook!

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Come funziona la partecipazione, da Epicuro alle distopie indotte dei social network

23 Dicembre 2020

La partecipazione al tempo della pandemia: riconoscere l’altro, una conversazione con Massimiliano Valerii

15 Dicembre 2020

Perché cheFare si occupa di nuovi centri culturali

24 Novembre 2020